IT   EN

Chi siamo


The Merchant of Venice rappresenta l'Arte Profumatoria Veneziana. Rimarca il ruolo di capostipite che la città ebbe nella tradizione profumiera mondiale e si propone di valorizzare la lunga tradizione che ha reso l'Italia, e in particolare Venezia, uno dei principali centri della storia della profumeria. The Merchant of Venice è una linea lusso che si articola in una vasta gamma di esclusivi Eau de Parfum e Eau de Toilette, accompagnati da prodotti per la persona, per l'ambiente e accessori.

Tale linea è ispirata alle “Mude”, rotte navali che collegavano un territorio vastissimo, che andava dall'Oriente all'Africa e a tutta l'Europa fino ai mari del Nord. Le “Mude” partivano da Venezia e raggiungevano porti che a loro volta erano la destinazione di altre vie commerciali: qui avveniva un complesso interscambio tra materie prime e prodotti finiti.

In questo modo la Serenissima riusciva a raggiungere conoscenze e materie prime che nel proprio territorio non sarebbe altrimenti stata in grado di procurare direttamente, e attraverso abilissimi artigiani( i muschieri insieme ai venditori de polvere di Cipro e ai saoneri) inventava nuove tecniche di produzione che rendevano i profumi e i cosmetici veneziani ambiti in tutte le corti europee dell'epoca.

 

The Merchant of Venice è un marchio di lusso culturale nato a Venezia dalla volontà della Famiglia Vidal operante nel settore della profumeria a livello internazionale da più di un secolo.
1000

Nel tardo medio evo Venezia è già la capitale europea del commercio.

A dimostrazione di questo nel 1060 la principessa Teodora Ducas, figlia dell’imperatore di Bisanzio, sposa il Doge Domenico Selvo. Inizia così la storia del profumo e della cosmetica a Venezia, che diventerà nei secoli successivi, il centro dell’arte profumatoria dell’Europa e del mondo allora conosciuto.

1200

Inizia l’attività delle “mude”,

e carovane navali dei mercanti di Venezia verso l'Oriente e il Medio Oriente, organizzate periodicamente per volere della Repubblica di Venezia, con finalità di scambio commerciale. I mercanti veneziani scambiavano merci prodotte in patria con spezie, incenso, profumi e sete provenienti dall'Asia e dal nord Africa, attraverso la Via della seta e le rotte marittime controllate da bizantini e arabi. Lavorate a Venezia, queste materie prime si dirigono poi in varie parti d'Europa, oggetto della brama di donne e uomini disposti a pagare somme ingenti per accaparrarsele.

1271

Marco Polo parte per il suo primo viaggio verso la Cina.

Al suo ritorno introduce a Venezia molti aspetti culturali della Cina includendo con questi la cura del corpo. Molti i nomi di sostanze profumate vegetali e animali contenuti nel “Milione” il suo libro che tratta del resoconto di viaggio.

1400

Con la quantità di materie prime provenienti dai commerci a disposizione,

inizia un periodo di grande splendore per l’arte profumatoria veneziana. Nascono le Corporazioni dei Saoneri e dei Muschieri che trasformano il lavoro artigianale legato alla cosmetica in una vera e propria arte.

1500

Testimonianza dell’interesse per la composizione di profumi e cosmetici

sono le numerose pubblicazioni che l'editoria veneziana del Cinquecento dedica a ricettari e trattati che svelano i “segreti” della loro fabbricazione e promettono bellezza, fascino, ma anche effetti salutari. Tra le varie pubblicazioni, il testo più importante è il Notandissimi Secreti dell'arte Profumatoria, pubblicato a Venezia nel 1555 e contenente 300 ricette, dall'arte di tingere i capelli a quella di profumare il corpo, la casa, la biancheria e per coprire l'odore di concia degli accessori in pelle.

1600

I maestri saoneri e profumieri veneziani

vengono chiamati nelle corti europee ed in particolare in Francia ad esercitare la loro arte come veri e propri artisti. A Venezia ricche e meno ricche botteghe trovano molta fortuna esponendo una grande varietà di acque e paste profumate per soddisfare le richieste più esigenti e sono 400 i parrucchieri e i barbieri che operano nella sola città, a testimonianza delle attenzioni dei veneziani per la cura della persona.

2011

Nasce da parte della Famiglia Vidal la volontà di creare un progetto culturale

capace di legare la tradizione profumiera famigliare con il patrimonio culturale veneziano e la storia dell’arte profumatoria della città.

2012

Nasce il progetto “The Merchant of Venice”,

progetto ambizioso con una doppia anima, commerciale e culturale ispirandosi alla storia delle antiche Mude, tratte mercantili veneziane.
Grazie alla collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia viene firmato il progetto di riapertura di Palazzo Mocenigo, già sede del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume Veneziano, all’interno del quale vengono aperte otto nuove sale dedicate alla storia dell’Arte Profumatoria Veneziana.

 

2013

Ad ottobre viene lanciato il brand The Merchant of Venice

con la prima collezione di Eau de Parfum, Murano Collection, e una serie di prodotti collaterali di altissimo livello e viene aperto il primo Flagship Store all’interno di un’antica farmacia del 1600 in Campo San Fantin, 
Nello stesso anno il progetto “The Merchant of Venice“ vince il premio “CULTURA+IMPRESA 2013”.

 

2014

Il marchio inizia ad ampliare il suo assortimento

completando le linee già esistenti e lanciando la Museum Collection Eau de Parfum Concentrée e la Murano Art Candle.
Con l’apertura del primo corner internazionale a Londra prende inizio lo sviluppo commerciale del brand non solo in Italia ma anche all’estero.

2015

In seguito all’aumento della brand awareness vengono presentate tre linee di grande prestigio:

la linea maschile Nobil Homo, la linea Murano Exclusive, simbolo di raffinatezza ed eleganza e la Murano Art Collection, una linea unica capace di abbinare l’arte profumatoria con l’artistica produzione vetraia dell’isola di Murano.
A luglio dello stesso anno The Merchant of Venice entra nel magnifico Salon de Parfum di Harrods spazio dedicato alle più raffinate fragranze del mondo.

© 2017 The Merchant of Venice
Net-prime